dieta ed omeopatiaSalute & Nutrizione 

Dieta ed omeopatia: un approccio diverso

Omeopatia e dieta: due mondi che si incontrano benché, riguardo alla disciplina omeopatica ci siano scuole di pensiero differenti e talvolta contrapposte.  Al di là delle discussioni in merito, qui però sarà affrontato l’approccio che l’omeopatia ha relativamente al desiderio ed al sogno di molte persone: dimagrire.

(NdR. durante la lettura non compariranno né diluizione, né posologia dei rimedi poiché la prescrizione è riservata solamente al medico)

La filosofia dell’omeopatia sulla dieta

Concentriamoci pertanto sull’importanza e la filosofia che ha l’omeopatia riguardo al progetto di dimagrire. La prima considerazione da fare è che alla persona si riserva un trattamento olistico. La visita con un medico omeopata non si riduce nello stabilire il percorso di dieta con un programma e degli obiettivi. E’ invece un incontro conoscitivo della totalità della persona! Qual’è l’elemento che ha portato alla perdita di equilibrio? Qual’è la causa del malessere interiore ed esteriore? Si analizzerà attraverso la visita medica classica il punto di vista fisico e corporeo. La parte più importante è il colloquio paziente – medico in cui si comprende “che tipo è” il paziente.  Attraverso domande apparentemente banali, si comprende la psicologia della persona, nonché la personalità. Da qui si parte con una strada totalmente personalizzata, priva di effetti collaterali e che dà risultati.

L’omeopatia cura il simile con il simile! L’omeopatia cura la causa! Sono gli slogan, i principi dell’omeopatia ed anche chi vuole mettersi a dieta, ne imparerà il significato. Ecco perché il “fai-da-te” è sempre sconsigliato. Il colloquio e la scelta di aderire ad un programma di dieta omeopatica devono essere condotti da un medico specializzato in omeopatia. Sarà in quel luogo che potranno emergere i rapporti tra se stessi ed il cibo, la quotidianità, i disagi e come si gestiscono le situazioni nonché le sensazioni conseguenti che si provano dopo un’azione.

È importante sottolineare che l’omeopatia dà risultati ma non può “fare miracoli” come qualsiasi altra dieta: la costituzione fisica di base non si può cambiare!

Come funziona?

L’approccio dell’omeopatia prevede una fase di disintossicazione, l’impiego di rimedi personalizzati e, se necessario, degli aiuti volti a dimagrire.

Fase di disintossicazione e drenaggio delle tossine. Pulire il corpo da ciò che non serve se si vuole prepararlo al meglio per ricevere i rimedi omeopatici. Per accogliere un ospite si deve pulire la casa, e qui è lo stesso! L’azione è eseguita sugli organi deputati ad eliminare le tossine (esempi: fegato, reni, sangue, ultimo tratto dell’intestino) attraverso l’impiego del Fucus, del Taraxacum e di altri estratti vegetali.

I rimedi personalizzati. Dall’analisi fisica e psicologica della persona è possibile somministrare alcuni rimedi: la Calcarea carbonica (per il raggiungimento dell’equilibrio del proprio peso corporeo; personalità abitudinaria e pragmatica), la Thuya (per riequilibrare disordini nati da stress; la personalità rivela ansia, tendenza alla depressione, paura di non completare il lavoro quotidiano, controllo sulla tavola) il Sulfur (disintossicante; personalità alla ricerca degli eccessi), il Natrum sulfuricum (riequilibra l’energia ed i liquidi corporei; personalità irritabile). Questi individuano quattro tipologie di personalità ma ovviamente il medico omeopata, sulla base del colloquio con il paziente, potrà avvalersi di altri rimedi.

Gli aiuti per dimagrire. Associati al percorso, sono prescritti degli aiuti, per coadiuvare la persona lungo la sua strada. E’ possibile assumere Hypotalamus per moderare l’appetito e la sensazione di fame. Oppure il medico consiglia Ignatia per regolare l’umore. Anacardium è utilizzato con lo scopo di contrastare gli attacchi nervosi. Gli oligo-elementi quali Nichel – Zinco – Cobalto, sono utili per regolare il metabolismo di zuccheri e grassi.

Il percorso sarà…

L’omeopatia aiuta ad affrontare il percorso con strumenti docili attenuando il senso di “prigionia” e di “rinuncia” ma certamente la costanza e la fatica verranno ricompensati. Una caratteristica importante è la dolcezza del trattamento omeopatico.  Infatti, non prevede perdite di peso drastiche e repentine ma, garantisce un percorso che porta la persona ad arrivare ad un equilibrio interiore ed esteriore a piccole tappe. L’omeopatia può sembrare “lunga”. Questo deriva dalla volontà di eliminare e risolvere la causa che ha portato al disequilibrio interiore.

Related posts

Leave a Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Qui trovi maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi